strapazzami

Strapazzami di Anna Zaires – La Recensione

Ciao a tutti dalla vostra Inguaribile romantica!
Pronti ad entrare in un mondo pericoloso, oscuro e perverso? Lasciate perdere Christian Grey e le sue 50 sfumature. Abbiamo qualcosa di meglio. Abbiamo Julian Esguerra. Se Christian è un uomo ferito che vede nel mondo del Bdsm, l’unico modo per sopravvivere in maniera normale alla vita di tutti i giorni; quì ci troviamo al cospetto di una persona perversa, priva di qualsivoglia morale e coscienza, ma sopratutto che non si pente MAI e ripeto mai delle proprie scelte.  Primo capitolo della saga Strapazzami.  Un romanzo erotico appartenente al Dark Romance. Formata da tre libri, tutti auto-conclusivi. Già pubblicati anche in Italia.
Titolo: Strapazzami
 Autore: Anna Zaires
Serie: #1 Twist me
Editore: Self-Publishing
Data:  aprile 2017
Genere: Erotico
Categoria: Dark Romance
Narrazione: prima persona con pov di Nora
Finale: No cliffhanger
Coppia: Nora Leston,studentessa all’ultimo anno di liceo e Julian Esguerra, trentenne uomo d’affari
Trama: Rapita. Portata su un’isola privata. Non avrei mai immaginato che potesse succedermi questo. Non avrei mai immaginato che un incontro casuale alla vigilia del mio diciottesimo compleanno avrebbe potuto cambiarmi la vita in questo modo. Ora appartengo a lui. A Julian. A un uomo che è così spietato quanto bello un uomo il cui tocco mi fa bruciare. Un uomo la cui tenerezza trovo più devastante della sua crudeltà. Il mio rapitore è un enigma. Non so chi sia, né perché mi abbia presa. C’è un’oscurità in lui un’oscurità che mi spaventa anche se mi attira.

Mi chiamo Nora Leston e questa è la mia storia.

Riflessioni

Non sono un’appassionata del genere Dark Romance. Difficilmente mi dedico a queste eccentriche letture, ma grazie a questo libro in particolare, sono riuscita a riconsiderarlo. Il titolo o meglio la pessima
traduzione del titolo, sulla quale eviterei di espormi, non rende giustizia a questo racconto intenso dalle mille sfaccettature. Un incipit comune, in quanto Nora e Julian si incontrano una sera in un locale. Attratti l’uno dall’altra fin da subito, mentre Julian però è un uomo maturo e freddo, Nora è solo un’adolescente insicura. Questo contrasto, unito all’intensità con cui lui la studia, mette in soggezione Nora, incutendole timore e facendola scappare a gambe levate. La dolce fanciulla non può di certo sapere che quell’unico e intenso incontro, stravolgerà per sempre la sua vita. A distanza di mesi, infatti, quando ormai quella serata decisiva sarà solo un fugace ricordo, essa viene drogata e rapita per poi trovarsi su un isola deserta alla mercé di un uomo d’affari vendicativo e mentalmente disturbato, con una vera e propria ossessione per lei. lo stesso uomo che ama infliggerle dolore per poi donarle conforto e piacere.

«E’ difficile credere che il male indossi una maschera così bella.»

Leggi anche:  Recensione - La partita Vincente di Kristen Callihan

Mai descrizione fu più esaustiva e conciliante su un personaggio. Il genere di personaggio che o lo si impara ad amare o lo si odia profondamente. A controbilanciare abbiamo una ragazzina dolce e delicata, a malapena maggiorenne. Una vittima consapevole di essere tale e soprattutto consapevole di essere malata. La sindrome di Stoccolma non è una leggenda metropolitana, lo sa bene Nora Leston, vittima di rapimento e irrimediabilmente dipendente fisicamente ed emotivamente dal suo rapitore.

Aspetti psicologici di questa patologia vengono espressi egregiamente dall’autrice, attraverso Nora ed è anche per questo motivo che la sottomissione della ragazza non mi è mai sembrata irritante o fuori luogo.

Bisogna anche notare che c’è una vera e propria resistenza da parte della protagonista, almeno per buona parte del libro. Una resistenza nata dal disprezzo e dalla paura per Julian che però sfocia in bisogno di protezione e di conforto da parte di quest’ultimo. Da passione ad amore è un’attimo, ma sarà così solo per lei?

Un libro davvero ben strutturato e fluido con una trama parecchio irrealistica, ma sopportabile, grazie allo spessore psicologico ed emotivo che Anna Zaires è riuscita ad introdurre in questo volume. Una storia che ti strega e ti lascia in balia di emozioni contrastanti per tutto il tempo di lettura. Romanzo consigliatissimo, ma non per i deboli di stomaco o per i fan del grande amore romantico.
A presto dalla vostra Inguaribile romantica!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Strapazzami
Overall
3.8
  • Trama
  • Nora
  • Julian

Aggiungi un commento

La tua email non sarà resa pubblica, le voci contrassegnate da (*) sono obbligatorie.